Eventi

IL TRINAGOLO DELL’AMORE: IMPEGNO, INTIMITA’ E PASSIONE

8 APRILE 2019 DALLE ORE 17,30 ALLE 19,30

Presso

BIBLIOTECA MULTIMEDIALE RUFFILLI

VICOLO BOLOGNETTI 2

Bologna

a cura del Dr. Roberto Cavaliere, PSICOLOGO-PSICOTERAPEUTA

Presentazione della dr.ssa Maria Letizia Rotolo

l’amore è costituito da tre componenti fondamentali:

l’impegno, l’insieme di conoscenze, affetti e comportamenti che segnalano la disposizione dell’individuo a proseguire un determinato rapporto

l’intimità, un processo che induce l’avvicinamento e l’esplorazione delle affinità e delle differenze fra due persone e che comporta l’espressione di emozioni o vario genere ed intensità, dalla passione alla rabbia, per cui implica necessariamente confidenza, fiducia, complicità,

la coesione, il grado di condivisione e di vicinanza vissute nel rapporto, che scaturisce dall’intimità e dalla convergenza degli interessi individuali”

“La psicologia dell’amore” – Sternberg Robert J. Barnes Michael L. (Bompiani Editore)

Sternberg, Professore di psicologia a Jale, in seguito ad alcune sue ricerche, ha formulato un concetto di amore completo, sulla base delle tre componenti fondamentali che ho riportato in apertura.

Da questa teorizzazione e dalla combinazione delle tre diversi componenti, derivano otto possibili tipi di relazione.

” L’assenza di amore “: tutte e tre le componenti mancano; è la situazione della grande maggioranza delle nostre relazioni personali, casuali o funzionali.

” La simpatia “. Presente solo l’intimità, si può parlare con una persona, parlare di noi, ci si riferisce ai sentimenti che si provano in un’autentica amicizia e comporta cose come la vicinanza, il calore umano (ma non i sentimenti forti della passione e dell’impegno).

” L’infatuazione “: Presente solo la passione . Quell’amore a prima vista che può nascere all’istante e svanire con la stessa rapidità. Vi interviene una intensa eccitazione fisiologica, ma senza intimità o impegno. La passione è come una droga, rapida a svilupparsi e rapida a spegnersi, brucia alla svelta e dopo un po’ non fa più l’effetto che si voleva: ci si abitua, arriva l’assuefazione.

” L’amore vuoto” l’impegno è privo di intimità e di passione: tutto quello che rimane è l’impegno a restare insieme. Un rapporto stagnante che si osserva talora in certe coppie sposate da molti anni: un tempo c’era l’intimità, ma ormai non si parlano più; c’era la passione, ma anche quella si è spenta da un pezzo.

 

” L’amore romantico” combinazione di intimità e di passione (tipo Giulietta e Romeo). Più di una infatuazione, è vicinanza e simpatia, con l’aggiunta dell’attrazione fisica e dell’eccitazione, ma senza l’impegno, come un’avventura estiva che si sa che finisce.

” Amore fatuo “: passione e l’impegno, ma senza intimità. È l’amore da fotoromanzo: i due si incontrano, dopo una settimana sono fidanzati, e dopo un mese si sposano. S’impegnano reciprocamente in base all’attrazione fisica., ma dato che l’intimità ha bisogno di tempo per svilupparsi, manca il nucleo emotivo su cui può reggersi l’impegno. È un tipo d’amore che di solito non dà buon esito nel lungo periodo.

” Sodalizio d’amore “: intimità e impegno reciproco, ma senza passione. È come un’amicizia destinata a durare nel tempo. Quel tipo di amore che spesso si osserva nei matrimoni dove l’attrazione fisica è scomparsa.

” Amore perfetto o completo “: tutti e tre gli elementi sono presenti in una relazione. Raggiungere un perfetto amore, dice quest’autore, è come cercare di perdere un po’ di peso, difficile ma non impossibile; la cosa davvero ardua è mantenere il peso forma una volta che ci si è arrivati o tenere in vita un amore completo quando lo si è raggiunto.

 

Nel corso dell’incontro verranno affrontati, brevemente, le otto tipologie di relazioni sopra delineate con spunti “terapeutici” e passaggi bibliografici estratti dai

 

due libri del Dottor Cavaliere editi da Franco Angeli

 

SE NON MI AMO, NON TI AMO

 

QUANDO L’AMORE NON BASTA PIU’

 

 

 

Eventi

Tu prima di me

Un gruppo di sostegno per donne con dipendenza affettiva.

Quando l’amore si trasforma in una sofferenza continua, quando, nonostante tutti gli sforzi per modificare la situazione, il problema rimane irrisolto, si sta “amando troppo”. In questo contesto, il gruppo di sostegno per donne che “amano troppo” è pensato per costruire delle risorse personali interiori e per imparare a riempire il vuoto dall’interno invece che dall’esterno.

Il gruppo è uno spazio di ascolto, di incontro e di cambiamento in cui, oltre alla presenza del conduttore, si ha la possibilità di stare insieme ad altre persone che comprendono e condividono la vostra esperienza. L’accettazione da parte del gruppo di ciò che è inaccettabile per voi, aumenta l’accettazione di voi stesse. Il gruppo diventa una risorsa importante per stare in relazione e funziona da eco rispetto ai vissuti personali.

Gli incontri si terranno ogni lunedì a partire dal 26/02/2018 alle ore 19.30 nello studio della Dott.ssa Daniela Monaco in Via Vespucci 9 a Torino. L’iscrizione è OBBLIGATORIA.
Ogni incontro avrà una durata di 75 minuti e sarà confermato al raggiungimento di 5 persone.
Ciascun partecipante si assume l’impegno di essere presente in modo continuativo alle sedute e di mantenere il segreto rispetto a quello che avviene durante gli incontri.

Il costo è di 15€ a persona per incontro.

Il percorso è condotto dalla Dott.ssa Daniela Monaco, psicologa e psicoterapeuta sistemico-relazionale.

Per informazioni e iscrizioni:
Cell. 327.2470586
E-mail: dott.danielamonaco@libero.it

Eventi

Curare il cuore con le visualizzazioni e l’autoipnosi

A cura della Dott.ssa Maria Letizia Rotolo, psicologa-psicoterapeuta

Sabato 10 marzo 2018 dalle ore 15,30 alle 18,00

HaiSpazio, via Galeotti 5, Bologna (q.re S.Donato)

Incontro esperienziale con l’utilizzo di tecniche di rilassamento, le tecniche di visualizzazione e l’autoipnosi per curare le “pene d’amore”.

Curare quel dolore cupo e sordo che impedisce di vivere, di respirare e assaporare la vita. Quella straziante esperienza d’abbandono e di fragilità interiore. Attraverso le tecniche di rilassamento si lavorerà con le visualizzazioni. L’uso dell’immagine è il prodotto di una funzione psichica che agisce sia sulla parte conscia che inconscia della personalità. Costituisce un mezzo efficace che ci permette di esplorare l’inconscio e mantenere, nello stesso tempo, il contatto con la parte conscia della nostra personalità. È un potente strumento terapeutico per trattare le “ferite del cuore”.

L’ipnosi ericksoniana parte dal presupposto di un duplice funzionamento della mente conscia e della mente inconscia.

All’emisfero non dominante Erickson attribuisce invece una particolare capacità responsiva all’ipnosi ed alla suggestione, assegnandogli la presenza dell’insieme dei processi che sorgono particolarmente al di sotto del livello di coscienza e che formano l’inconscio nell’accezione ericksoniana di “mente inconscia”.

La mente inconscia è dunque la sede delle risorse creative, evolutive, libere da vincoli e da limitazioni.

Erickson si propone di arginare l’intervento limitante della mente conscia e di far emergere le risorse sopite della parte inconscia in modo che il paziente inizi un percorso di autoterapia che prosegue autonomamente nel tempo

La prenotazione è obbligatoria ed è possibile effettuare un colloquio gratuito preliminare.

Costo: €20,00 a partecipante

Per informazioni e prenotazioni: telefonare al 3286852606 o scrivere a marialetizia.rotolo@hotmail.it

Eventi

Coppie 4.0 RitroviAMOci nella mente e nel corpo

Laboratori espressivo-corporei per coppie che si stanno cercando.
Una intera giornata, sabato 10 marzo, a Milano dedicata a laboratori dinamici ed espressivi per imparare l’ascolto reciproco e scoprire nuovi canali di comunicazione di coppia. Pensata per le coppie di oggi e nata e progettata all’interno dell’iniziativa nazionale Amori 4.0.
Un evento adatto a coppie che… si stanno cercando.
PROGRAMMA:
h. 10.00 – 12.30 Sessione di Movimento Evolutivo Dinamico (MED®) che usa il movimento e il contatto per una visione relazionale dell’essere umano nelle sue matrici sociali di definizione dell’identità individuale e collettiva. Condotto dalla Dott.ssa Tatiana Sicouri, psicologa psicoterapeuta e psicodrammatista.
h. 12.30 – 14.00 Pausa pranzo
h. 14.00 – 16.00 Gioco di ruolo immaginativo ed espressivo, volto alla conoscenza del partner, ma, soprattutto, della percezione reciproca all’interno della coppia, condotto dalla Dott.ssa Simona Adelaide Martini e dalla Dott.ssa Barbara Donadoni, psicologhe psicoterapeute specializzate in Psicoterapia con Procedura Immaginativa
h. 16.00 – 16.30 coffee break in loco
h. 16.30 – 18.30 Sessione di Sociodramma nel gioco del proprio ruolo nell’era dell’amore 4.0, condotto dalla Dott.ssa Annalisa Corbo, psicologa psicoterapeuta e psicodrammatista
h. 18.30 – 19.00 Debriefing e saluti
COSTI:
€ 160 a coppia per la giornata intera
€ 70 a coppia solo per la mattina
€ 120 a coppia solo per il pomeriggio
PER ISCRIVERSI MANDARE UNA MAIL A: tatianasicouri@gmail.com
amore 4.0
Eventi

Pane, amore e fantasia

“Sono fritto!” “Sono cotta!” “Sono alla frutta” “ Perché non mi mangia?” “ Ti mangerei di baci” “E’ buono come il pane”

Nel linguaggio comune si usano spesso metafore di tipo alimentare, ovvero si utilizzano espressioni prese dal mondo della cucina e degli alimenti per parlare di stati emotivi, relazioni, fatti che succedono nella vita.

Mangiare significa soddisfare un bisogno primario, ma non solo. Il cibo, l’alimentazione, l’appetito e la sua mancanza sono sempre correlati alle emozioni. Il rapporto di ogni persona con l’alimentazione è il risultato di numerosi fattori individuali, genetici, sociali, culturali e familiari. Il cibo è sempre legato al rapporto con gli altri: è il mezzo attraverso cui passano l’amore, la cura, la paura, il rifiuto, il ricatto. L’alimentazione è collegata alle norme sociali, culturali e familiari. Preparare al proprio figlio la merenda preferita, cucinare un pasto prelibato al proprio marito o alla propria moglie, rifiutarsi di sedersi a tavola con tutti, arrivare sempre in ritardo alla tavola della famiglia: le scelte alimentari ci segnalano tante cose della relazione della persona con se stessa e con i propri familiari.

In questo incontro cercheremo di parlare insieme di quello che succede a tavola in famiglia, provando a capire cosa comunicano certi comportamenti, quali sono i segnali di una condivisione positiva e arricchente e quali sono i segnali di cui bisogna preoccuparsi: rifiuto, ricatto, inappetenza, nausea, fobie e così via

Quando? Sabato 24 febbraio 2018 Ore 10

Quanto? Ingresso libero e gratuito

Dove? Presso Studio nutrizionale e di psicoterapia Via Toscana 10, Civitanova Marche (Mc)

Dott.ssa Giselle Ferretti psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Stefania Di Carlo biologa nutrizionista….

Dato che i posti sono limitati, la prenotazione obbligatoria a giselle.ferretti@libero.it

Eventi

Il dolore dell’abbandono

L’essere abbandonati da un partner di cui si è profondamente innamorati è un evento estremamente doloroso. Ci si sente andare in frantumi, non si riesce più a dare senso alla propria vita, il pensiero è polarizzato su chi ci ha lasciati, diventa ossessivo e non lascia tregua. Il dolore, la profonda tristezza e la rabbia fanno da sfondo alle giornate che si susseguono nella, consapevole o meno, speranza che l’altro torni. Chi attraversa questa esperienza spesso si sente solo e poco capito all’interno di un tunnel che pare non finire mai.

In questo caso il sostegno di persone che stanno attraversando la stessa esperienza, guidati da un esperto in grado di orientare il gruppo, può essere di grande aiuto.

È questo il fine degli incontri che partiranno LUNEDÌ 26 febbraio 2018 e che si terranno ogni lunedì sera alle ore 20.30 nello studio della Dott.ssa Eva Plicchi, in viale Giosuè Carducci 13, a Bologna. Il gruppo è a numero chiuso e vi si accede a seguito di un colloquio preliminare gratuito. Chi fosse interessato può chiedere informazioni al numero 339.2442716 o inviando una mail a evaplicchi2@gmail.com.

foto bimba

Eventi

Riconoscere le relazioni distruttive

Quante volte sentiamo affermazioni del tipo “Eh ma se l’è andata a cercare”? Ed è proprio questa la frase che ha spinto ad occuparci di cosa significhi entrare e stare in una relazione maltrattante. Perché si rimane? Quali sono le dinamiche nella coppia che portano a questa situazione?

“Riconoscere le relazioni distruttive: Riflessioni e interrogativi, un’occasione di confronto  sulle dinamiche di coppia, la violenza e la dipendenza affettiva” è l’evento gratuito organizzato dalle psicoterapeute Gaia Avella e Laura Bellavite a Gorle (BG) il 3 marzo 2018 presso “Centro Anch’io” in via Zavaritt 222.

 

IMG_3-32018

Eventi

O si vince in due…

O si vince in due o si perde in due.

Breve corso di Terapia di coppia per coppie, singoli e professionisti che affronterà i seguenti temi: cosa s’intende per Terapia di Coppia, quando è utile la Terapia di Coppia, premesse teoriche della Terapia di Coppia, metodologia della Terapia di Coppia. Strategie della Terapia di Coppia, esercizi della Terapia di Coppia, riflessioni finali sulla Terapia di Coppia

Il corso si svolgerà domenica 25 febbraio presso lo studio KLARIA, via San Giuliano 13, 40125, Bologna

Per maggiori info tel. 3286252606 (Dott.ssa Maria Letizia Rotolo)

Salva la brochure dell’evento: